|  Sicurezza sul lavoro   |  In ufficio voglio stare comodo!

In ufficio voglio stare comodo!

Dopo la casa, l’ufficio è il luogo in cui passiamo più tempo. Ovviamente è difficile essere totalmente operativi, non perdere mai la concentrazione, non farci sopraffare dallo stress della quotidianità. Ma se l’ambiente è confortevole, anche il lavoro sarà migliore. Lavorare in un ambiente piacevole, infatti, migliora la produttività e il benessere personale.

Per arredare un ufficio sarà opportuno dapprima avere un’idea di massima sui vari elementi da inserire, a partire dall’ingombro delle sedie e delle scrivanie a cui verranno poi sommati lo spazio di movimento del lavoratore e lo spazio di passaggio attorno ad ognuno di questi elementi.

LA SCRIVANIA

La scrivania è spesso la protagonista all’interno di un ufficio. Per capire quale scegliere è necessario valutare le necessità dell’operatore che ne farà uso e gli spazi a disposizione.

Ciò significa che la scrivania potrà avere dimensioni, materiali o caratteristiche tecniche differenti in base al tipo di attività che svolge l’operatore, allo spazio che ha a disposizione e al ruolo.

Per esempio, se pensiamo alla scrivania di un ufficio amministrativo è evidente che avrà bisogno di più spazio rispetto a chi utilizza il solo videoterminale.

Oppure, in un piccolo ufficio la scelta più adeguata è una scrivania con cassettiera incorporata, che consente di tenere tutto il materiale a portata di mano. Se l’ufficio è più ampio, puoi invece usare scrivanie di maggiori dimensioni e senza cassettiere e arredare con librerie, mobili e scaffali.

Consideriamo che in generale una postazione di lavoro comoda parta dai 140 cm di larghezza fino ad essere anche più spaziosa, arrivando a misurare 180 cm o ancora di più, 200 centimetri per due postazioni di lavoro.

La sua profondità dovrebbe misurare circa 80 cm, non meno perché si presuppone di doverci mettere un pc fisso o portatile, e soprattutto tenendo conto dello spazio necessario per le braccia.

LA SEDIA

In ufficio si passa molto tempo seduti, ed è importante prendersi cura della propria salute e postura facendo una giusta scelta della sedia. E’ necessario che questa sia ergonomica e regolabile per prevenire dolori muscolari e affaticamento, inoltre bisogna far attenzione anche alla traspirabilità dei tessuti, un tessuto traspirante, infatti, aiuta ad evitare una sudorazione eccessiva.

LA LUCE

La luce risulta essere un elemento essenziale per aiutare il comfort e la produttività. La luce naturale inoltre ha grande influenza anche sul nostro umore, per questo è importare arredare il nostro ufficio tenendo in considerazione la posizione degli arredi in base a questa.

Per poter godere al massimo della luce naturale e lavorare quindi nel modo più confortevole possibile, è necessario che l’operatore riceva la luce di lato: la scrivania deve quindi essere posizionata con il lato corto parallelo alle finestre, in modo che la luce illumini il piano di lavoro senza rifrangersi sul monitor del pc.

Se non è possibile, l’alternativa è avere le finestre alle spalle e utilizzare tendaggi e schermi per evitare il riflesso della luce sul monitor.

La luce naturale spesso non basta, perciò serve integrare anche quella artificiale per evitare l’affaticamento della vista.

La luce artificiale deve essere diffusa e regolabile. Possiamo utilizzare lampade a sospensione o da parete, oppure lampade da terra che distribuiscono meglio la luce nell’ambiente. Le lampade da tavolo, invece, permettono di illuminare in modo più efficace la scrivania di ogni singolo lavoratore.

LE DIMENSIONI MINIME IN UFFICIO

Le dimensioni minime di uno spazio adibito ad ufficio variano in base al numero di operatori e alle funzioni.

In caso di open space, l’ambiente è ovviamente ampio, ma mediamente una postazione operativa occupa circa un minimo di 4,5 Mq.

Lo spazio minimo aumenta fino a circa 8,5 Mq se si tratta invece di ufficio singolo, poiché spesso è necessario poter accogliere visitatori.

Le dimensioni minime per un locale adibito ad ufficio devono considerare una distanza minima per il passaggio tra due scrivanie che dovrà essere di una misura compresa tra i 60 ed i 90 cm.

Contattaci per un sopralluogo all’interno dell’attività per valutare il rispetto di quanto sopra scritto!!!

Scrivi un commento:

forseco.

VIia Danuvio 15 59100 Prato
0574 155 7407
[email protected]